Battiato: "Troie in Parlamento". Boldrini: "Che volgarita'!"

. Politica

Franco Battiato con il suo "troie in Parlamento", pronunciato al parlamento europeo, ha scatenato, come facilmente immaginibale, una vera e proria bufera politica. "Ci sono troie in giro per il Parlamento - ha detto - che farebbero di tutto, dovrebbero aprire un casino". L'incontro a cui era stato invitato il cantautore siciliano assessore nella sua regione della giunta Crocetta, era di ben altro tenore. Si doveva parlare di "Nuovi percorsi fra turismo e cultura in Sicilia", ma e' scivolato sulla situazione italiana con frasi choc, che hanno stupito non poco tutti i presenti, e sono rimbalzate a Roma, dove si ' scatenato un vespaio di proteste bipartisan. Sconcertata anche la presidente della Camera, Laura Boldrini he ha respinto con indignazione gli insulti di Battiato. "Stento a creder - ha spiegato che un uomo di cultura come Battiato, impegnato in un'esperienza di governo in Sicilia, possa avere pronunciato parole tanto volgari". Il cantautore ha replicato, affermando di non essere "sessista": "Facevo riferimento - spiega - alla prostituzione che c'era in Parlamento fino a pochi mesi fa, sia maschile che femminile2. Ed ancora: "Sono stato frainteso. Ho parlato di un malcostume della politica. Ribadisco, ci sono stati deputati, di una certa politica, che erano pronti a tutto. Da qui la parola troia, ma nel senso di prostituta, e parlavo di uomini e di donne". Per semplificare, Battiato ha detto che "troie" sono solo le deputate del centrodestra di Berlusconi, non certo le donne di sinistra. Ed anche per loro non ha fatto differenza tra maschi e femmini, tutti prostituti. Poi si meraviglia: "Ho parlato di cose importanti ma rimane solo la parola troia". Forse, anzi senza forse, sarbbero rimaste poche tracce della visita di Battiato al Parlamento europeo se non avesse pronunciata la fatidica parola.  Il cantautore conclude con le sue sentite scuse alla Boldrini: "Scusi ancora, ma e' peggio usare la parola troia o tutte quelle cose che hanno fatto alcuni deputati? Erano degni di stare seduti in Parlamento?".

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi