Letta: rammarico per i 'no' a Bersani. Dal PD "supporto" a qualunque decisione di Napolitano. Attesa

. Politica

No al governissimo perchè non è una soluzione idonea, sì alla Convenzione costituente, luogo dove può temperarsi ogni contrasto politico. Rammarico per i tanti 'no' raccolti da Bersani nel corso del suo pre-incarico ma grande fiducia in Napolitano. E il PD "non farà mancare il suo supporto responsabile" alle decisioni che tra poche ore prenderà il capo dello stato. Così Enrico Letta, vicesegretario Pd, al termine del lungo colloquio con il presidente della Repubblica a Quirinale che ha concluso le consultazioni-lampo soltesi nello studio alla Vetrata. Il Pd dunque ha ribadito le proprie posizioni che sono poi quelle raggiunte e mantenute da Pierluigi Bersani nel corso dei contatti avuti per una settimana con forze politiche e forze sociali in virtù del pre-incarico affidatogli da Napolitano. Una settimana che però non ha portato a valutazioni "risolutive" tali da prefigurare una maggioranza politica in Parlamento e quindi al "congelamento" del tentativo del segretario Pd (che oggi è rimasto nella sua Emilia) di ottenere un incarico pieno e insediarsi a Palazzo Chigi. Ora la parola spetta a Napolitano che deciderà nelle prossime ore, forse domattina visto che al termine dei colloqui al Quirinale nè il segretario generale della presidenza della Repubblica, Donato Marra, nè il capo dello stato si sono affacciati davanti ai microfoni per annunciare tempi e modi delle prossime decisioni. Probabilmente non ci sarà nemmeno una nota scritta. Tutto un pò irrituale, come d'altronde è irrituale e delicatissima la situazione in questo venerdì di passione. Non resta che attendere la parola del capo dello Stato.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi