Franceschini "molla" Bersani: "Basta complessi superiorita', dialogo con Berlusconi"

. Politica

Anche Dario Franceschini, 54 anni, ex giovane prodigio della Dc, passato successivamente al Ppi, poi tra i fondatori della Margherita e segretario del Pd dal febbraio all'ottobre del 2009, "molla" Bersani. Franceschini aveva anche silenziosamente mandato giu' un boccone molto amaro: Bersani gli aveva promesso, quasi pubblicamente, la presidenza di Montecitorio. Tanto che tutti lo davano come sicuro presidente della Camera, a partire dai commessi e dai funzionari. Invece proprio nell'ultima notte, prima delle votazioni, Bersani l'ha sacrificato sull'altare del propiziamento a Grillo. Con i scarsi risultati ottenuti, se non un gran malcontento all'interno del Pd, con Franceschini, che si e' visto "rottamato", nonostante la giovane eta'. L'ex giovane Dc ha aspettato un po', e' anche andato a Porta a Porta, senza sbottonarsi piu' di tanto, poi non ce l'ha fatta piu', ed in un'intervista al Corriere, e' sbottato: "Occorre un esecutivo di transizione che dia ossigeno e faccia le riforme". E spiega: "Bisogna uscire dall'incomunicabilita", "e abbandonare questo complesso di superiorita', molto diffuso nel nostro schieramento, per cui pretendiamo di sceglierci l'avversario. Ci piaccia o no, gli italiani hanno stabilito, che il capo della destra, che ha preso praticamente i nostro stessi voti, e' ancora Berlusconi. E' con lui che bisogna dialogare".  Ed ancora: "Se intendiamo mettere avanti l'interesse del paese dobbiamo appunto toglierci di dosso questo insoppportabili complesso di superiorita'. Berlusconi deve essere sconfitto per vie politiche e non giudiziarie". Sulle voci di scissione nel Pd, Franceschini e' molto chiaro: "Con questa crisi istituzionale ci mancherebbe anche questo. Ognuno si morda la lingua e si metta in testa che il Pd deve restare unito e stringersi attorno chiunque vinca le primarie, quando ci saranno". Intanto Franceschini lancia una linea opposta a quella di Bersani e invece molto simile a quella di Renzi.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi