Niente commissioni, Grillo attacca: "Siamo al golpe"

. Politica

I capigruppo di Camera e Senato dicono no a larga maggioranza alla composizione delle commissioni, perche' secondo i regolamenti e la Costituzione, prima deve essere formato il governo, perche' e' necessario che ci sia una maggioranza ed un'opposizione per stabilire gli uffici di presidenza ed inoltre il governo e' parte attiva anche nel processo legislativo. Dura la reazione dei 5 stelle, che stasera come promesso hanno occupato le aule di Montecitorio e palazzo Madama (dopo la fine della seduta sono rimasti in aula fino alla mezzanotte leggendo brani della Costituzione), mentre Grillo grida al golpe e sul suo blog raffigura Monti, Bersani e Berlusconi come i colonnelli greci. Per Grillo i partiti andrebbero commissariati, perche' "c'e' stato un golpe alla luce del sole per deleggitimare e svuotare il Parlamento. L'Italia non e' piu' una repubblica parlamentare, come previsto dalla Costituzione, ma una repubblica partitica. I partiti hanno sostituito la democrazia". I responsabili, Monti, Bersani e Berlusconi vengono raffigurati con la divisa dei colonnelli greci sul blog di Grillo, che insiste nella sua idea di svuotare il piu' possibile delle sue funzioni il governo per decidere tutto in modo assembleare nelle Camere, cosi' da non prendersi responsabilita' di formare maggioranze o votare la fiducia. Ma la Costituzione italiana non e' questa e per eventualmente riscriverla occorrono delle riforme votate dai due terzi del Parlamento o a maggioranza semplice, ma poi con un referendum popolare confermativo. Ed Italia una riforma costituzionale, quella del centrodestra fu gia' bocciata. Grillo pero' nostante la sua protesta contro tutto e contro tutti non vuole elezioni. Forse i sondaggi non lo incoraggiano? Intanto il capogruppo del Pd al Senato, Luigi Zanda condanna come "antidemocraticoa" l'occupazione del Parlamento da parte dei 5 stelle. 

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi