Austerity: Napolitano 'taglia' il ricevimento del 1 giugno

. Politica

Ga' lo scorso anno era stato ridotto ai minimi termini, ma questa volta Napolitano ha 'tagliato' definitivamente il ricevimento del 1 Giugno che avrebbe dovuto svolgersi nei giardini del Quirinale nel pomeriggio del giorno prima della Festa della Repubblica, 2 giugno, Salta così il tradizionale appuntamento tra il politico e il mondano al quale era invitato il gotha del mondo istituzionale, politico, del giornalismo, della diplomazia e della cosiddetta società civile. Inviti ambitissimi. Ma ora basta, "per ragioni di sobrietà": il paese soffre per la crisi e il capo dello stato ha cancellato il rinfresco in segno di "massima attenzione al momento di grave difficoltà che larghe fasce della popolazione attraversano". Il 2 Giugno comunque non cambia il programma per la Festa della Repubblica: il presidente Napolitano rivolgerà in televisione l'abituale messaggio augurale a tutti gli italiani e presenzierà come sempre alla rassegna militare.  Nel pomeriggio del 2 giugno saranno invece aperti ai cittadini, come di consueto, i giardini del Quirinale. Per il Colle infine la sobrietà 'romana' deve essere  sviluppata anche in tutte le altre città d'Italia: nei capoluoghi di provincia, le Prefetture renderanno omaggio "in termini strettamente istituzionali" alla ricorrenza della Festa della Repubblica, è l'invito messo nero su bianco su una nota del Quirinale.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi