Boldrini: minacce di morte sul Web, aperta un'inchiesta

. Politica

Si estende il fenomeno delle minacce via web da parte di ignoti smanettatori di Internet contro personaggi pubblici. E se qualcuno di questi personaggi alza la voce perchè venga arginato questo modo di offendere in Rete, allora i 'coraggiosi' ma per ora anonimi internauti intensificano la loro azione. E' il caso di Laura Boldrini, presidente della Camera, che ha posto la questione e lanciato l'alarme sugli abusi via web soprattutto nei confronti delle donne che rimangono quasi sempre impuniti e che per questa iniziativa ha visto intensificarsi gli attacchi contro di lei con minacce esplicite di morte e fotomontaggi offensivi. Ora la Procura di Roma ha aperto un'inchiesta volta ad individuare gli autori di queste violenze via Internet mentre la polizia postale ha rimosso frasi offensive e fotomontaggi indirizzati alla terza carica dello Stato. L'indagine, affidata al procuratore aggiunto Nello Rossi e al sostituto Luca Palamara, contempla i reati di minacce, diffamazione e violazione della privacy.  Solidarietà bipartisan alla Boldrini:"Laura Boldrini è una donna coraggiosa e denuncia l'umiliazione perenne delle donne sul web e nella vita quotidiana. Siamo con lei" ha detto Nichi Vendola (Sel). Elogi alla Boldrini e  un no netto alla "violenza telematica" anche dal vice presidente del Senato, Maurizio Gasparri (Pdl): "Laura Boldrini, spero non solo per essere stata oggetto di attacchi sulla Rete, pone la questione degli abusi che si verificano sul web nella più totale impunità. Da tempo questa nuova forma di violenza doveva essere  assolutamente contrastata. Invece si confonde la intangibile libertà di espressione con il diritto di linciare chiunque".

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi