Il Pd ha scelto: Epifani "traghettatore" fino al Congresso

. Politica

Il Pd alla fine ha scelto, proprio sul filo di lana, alla vigilia dell'Assemblea nazionale di domani, che dovra' anche convocare il Congresso per l'autunno. Guglielmo Epifani, verra' sottoposto al voto nell'Assemblea, alla fiera di Roma. E sara' un segretario "traghettatore", che guidera' il partito, solo temporaneamente, e non si presentera' al Congresso. E' il candidato che complessivamente offre piu' garanzia alla vecchia guardia, a partire da Bersani, che lo aveva indicato fin dall'inizio. Cuperlo, il candidato della sinistra, si presentera' invece nella masima assise del partito ad ottobre. Pippo Civati non apprezza e lo inquadra subito: "E' in continuita' con il vecchio gruppo dirigente, se il candidato sara' lui, ce ne saranno altri, sara' un'epifania". Nel partito c'e' anche una certa preoccupazione per OccupyPd, e per la possibilita' che gli attivisti occupino la sala della riunione. Per Beppe Fioroni Epifani e' l'uomo giusto per "guidare il partito in questi sei mesi difficili anche per il governo, evitando che qualcuno pensi che sia un governo Berlusconi-Letta per l'assenza del partito". Fassina ha commentato: "Giudicateci dai risultati". Per Bersani: "Occorre fiducia nel partito, non e' poi cosi' caotico". Ma il nervosismo non si dissolve nel giro di poche ore. Cosi' Bettini, vicino a Veltroni, lancia l'idea di una uova formazione di sinistra aperta a tutti i moderati, che si potrebbe chiamare "Il campo". Per i saggi che hanno lavorato per l'individuazione di un traghettatore, Epifani rappresenta quello che si cercava: "una figura aurovelo ed unitaria". D'Alema, non e' un mistero, avrebbe preferito una soluzione piena da subito, mentre al duo Letta-Franceschini va bene cosi'.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi