"Grillo il trasversale" attacca Destra e Sinistra e da' del "qualunquista" al Papa

. Politica

"E' da scemi piu' che di sinistra portare una canoista, mezza tedesca, al governo". (Il riferimento e' a Josefa Idem, ex campionessa olimpionica, ora ministro delle Pari oppurtunita'). "I matrimoni omossessuali sono una bandiera di sinistra, le puttane a pagamento sono piu' che mai di destra". Beppe Grillo ne ha per tutti, e parafrasando Destra Sinistra di Giorgio Gabere, uno sberleffo di dieci anni fa, rivolto ai luoghi comuni di entrambe le parti. E se il cantautore non indicava una via alternativa, perche' la sua era solo una pungente ironia contro il potere, l'ex comico, una terza via ce l'ha ben precisa, e' la sua. E lui sa bene di essere l'unico ad essere trasversale, a racogliere voti sia a sinistra (pero' da quello che risulta dall'Ipsoo solo il 30%) sia a destra, soprattutto in quella sociale e piu' estremista. Quella destra che ha sempre detestato, al pari della sinistra piu' radicale, Berlusconi. Ed e' un buon sebatoio di voti. Il nemico e' la classe media, la cosidetta borghesia, moderata ed orientata sia verso il Pdl che verso il Pd. Grillo per sfondare sa che deve prendere voti a tutto campo, lasciando nelle loro riserve gli altri. E cosi' finisce per attaccare anche il Papa, l'unico ad essere rimasto fin'ora furi dai suoi strali. I devoti sono nella maggior parte dei moderati. "Anche Francesco - afferma - ultimamente e' diventato qualunquista e un po' populista, dice di pensare agli ultimi e non alle banche che siano di destra o di sinistra".  Grillo attribuisce poi colpe bipartisan sulla vicenda Monte dei Paschi di Siena e sulle trattative Stato-Mafia. Quest'ultima una vera manna politica per il guru dei 5 stelle. La conclusione dell'ex comico e' tutta pro domo sua: "L'ideologia, l'ideologio non credo che ci sia ancora, e' solo un paravento per la gente. Il movimento e' sopra e oltre e parla agli italiani non ai piddini o ai berlusconiani". 

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi