Letta: 18 mesi per le Riforme, a Renzi "No a maggioranze variabili"

. Politica

Enrico Letta prende la parola al Senato per parlare delle riforme, dopo la presentazione della mozione di maggioranza e dice che "18 mesi sono il tempo giusto per cambiare la nostra Costituzione, che pur restando la piu' bella, va aggiornata". Ma Letta risponde indirettamente anche a Renzi pur non citandolo, cosi' come non parla espressamente di maggioranze variabili, pur bocciandole. Il punto piu' delicato di scontro e' quello sulla legge elettorale ed il premier spiega: "Va cambiata e sara' parte fondamentale delle riforme, ma sappiamo che dobbiamo far si' che sia fatto un percorso insieme con larga condivisione". Ed ancora per meglio spiegare che l'unica alleanza possibile e' quella delle larghe intese, e non certo quella di ricorrere ad un gruppetto di ribelli grillini, Letta afferma: "Non possiamo permetterci di arrivare con contrapposizioni. Divisioni o maggioranza strette non possono sporcare o rendere meno efficace il lavoro che staimo facendo". Per il premier le riforme possono essere una risposta all'astensionismo. E spiega: "Questo percorso coinvolge tutti, perche' tutti siamo stati toccati dal voto e non possiamo limitarci a rinfacciarci chi sia stato toccato di piu' o di meno, se e' stato toccato chi e' piu' vecchio o piu' novo: e' l'intero sistema ad esere stato sconvolto".

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi