Governo approva ddl riforme, obiettivo: approvazione entro ottobre 2014

. Politica

Se il piano del governo verra' rispettato, tendo fede ai ritmi (come aveva auspicato Napolitano), fissati nel provvedimento, il nuovo impianto costituzionale, destinato ad ammodernare lo Stato, sara' approvato, nei 18 mesi previsti, nell'ottobre del 2014. Poi ci sara' il referendum anche se la legge sara' approvata dai due tezi del Parlamento. Oggi il primo decisivo passo con l'approvazione del ddl costituzionale delle riforme da parte del Consiglio dei ministri. La riforma prevede anche la riduzione da tre a un mese per la doppia lettura neccessaria per una legge costituzionale. Una piccola riforma nella grande riforma. Nelle nuove norme non e' compreso il conflitto d'interessi, perche' questo va oltre il contenuto delle mozioni parlamentari. "Abbiamo ulteriormente rafforzato - ha spiegato il ministro Gaetano Quagliariello - l'art. 138 della Carta. La composizione della commissione dei 40 che istruira' le riforme sara' proporzionale, in modo da rappresentare anche le minoranze". Quagliariello ha anche spiegato, per evitare ulteriori polemiche, che il lavoro dei "saggi", che pero' preferiscono chiamarsi "esperti", sara' completamente gratuito. 

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

Commenti

0 # carolus 2013-06-06 17:21
Credo che molto o meglio tutto dipenderà da ciò che sapremo il 19 giugno.

I commenti sono chiusi