Napolitano dal Papa, i due colli si guardano con stima e simpatia

. Politica

Giorgio Napolitano varca, per la prima volta da quando e' stato eletto Bergoglio, la soglia del Vaticano, per un colloquio ufficiale. Napolitano era accompagnato dalla moglie Clio e dal ministro degli Esteri, Emma Bonino. I due hanno avuto uno scambio di vedute a quattrocchi per circa 20 minuti. Ha reso bene i rapporti tra Italia ed il Vaticano, Francesco, con l'immagine dei due colli: "Il Quirinale e il Vaticano, che si guardano con stima e simpatia". Napolitano ha replicato: "La sentiamo profondamente vicino, anche la stessa scelta del suo nome testimonia il suo amore per il nostro paese". L'inasprirsi della crisi e dei problemi sociali - ha detto il capo dello Stato - impongono un tempo di riflessione, di cambiamento, di solidarieta' e giustizia, soprattutto in considerazione della condizione giovanile". E si sa quanto il Papa abbia puntato per il suo pontificato sul ruolo dei giovani e sulla solidarieta'. Bergoglio ha rilevato come "il popolo italiano puo' e deve superare ogni divisione e crescere nella giustizia e nella pace, continuando a svolgere cosi' il suo ruolo peculiare nel contesto europeo e della famigla dei popoli". Sia il Papa che Napolitano hanno riaffermato il valore della liberta' religiosa. "Nel mondo di oggi  - ha spiegato - Bergoglio la liberta' religiosa e' piu' spesso affermata che realizzata. Essa infatti e' costretta a subire minacce di vario tipo e non di rado viene violata. E' un dovere di tutti promuoverla". Il principio della liberta' religiosa e' un "cardine della Costituzione italiana" - ha ribattuto Napolitano - e consideriamo nostro dovere prenderne le difese ovunque, specie la' dove siano colpite la liberta' e la vita dei cristiani". 

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi