IVA e IMU: Berlusconi sferza Letta, "Sforiamo il 3% tanto l'Europa non ci caccia..."

. Politica

"Dobbiamo andare a Bruxelles non per battere i tacchi ma per rimettere le cose a posto. E dobbiamo avere il coraggio di dire all'Ue che non ne possiamo più di questa dannata austerità e che vogliamo sforare il tetto del 3%, tanto non ci cacciano...". E' un Berlusconi d'attacco nei confronti del Governo - che pure nelle sue 'larghe intese' resta senza alternative praticabili - sulla questione Iva e Imu, quella che è diventata il cavallo di battaglia del Pdl. Le parole del Cav pronunciate oggi a Villa San Mauro di Pontida in provincia di Bergamo suonano come uno sprone, se non proprio una sferzata, nei confronti dell'esecutivo invitato a smettere di tergiversare su Iva e Imu e a trovare quegli 8 miliardi che possono  - anzi devono, secondo il Cav - consentire di abolire la tassa suglle prime abitazioni e bloccare l'aumento di un punto dell'Iva previsto dal 1° lugio. "Il governo sta cercando otto miliardi di euro. Mi chiedo in quale azienda non si possano ridurre i costi dell'1 per cento. E' veramente innaccettabile che non si trovino questi fondi" ha detto Berlusconi sostenendo - e l'invito  è chiaramente rivolto a Letta, Saccomanni e Zanonato - Bisogna andare a Bruxelles - ha proseguito - "e non per battere i tacchi" ma per "rimettere a posto le cose" e sforare il limite del 3 per cento di deficit e il fiscal compact per far partire l'economia perché nessuno "ci manderà fuori da Ue e moneta unica". E ancora, in crescendo:"Bisogna che qualcuno nel governo abbia il coraggio e l'autorevolezza di andare a Bruxelles e di dire a quei signori: 'Noi siamo in questa condizione perché ci avete cacciato voi con la vostra dannata politica di austerità. Dobbiamo rimettere a posto le cose, da qui in avanti il limite del 3 per cento all'anno e il fiscal compact ve lo potete dimenticare. Ci volete mandare fuori dalla moneta unica? Fatelo. Ci volete mandare fuori dall'Unione europea? Ma no! Vi ricordiamo che noi versiamo 18 miliardi all'anno e ce ne ridate indietro solo dieci. Ma chi mai ci manda fuori dall'u na e dall'altra parte?". Berlusconiha scherzato sulla suite che vorrebbe nella nuova casa di cura ("Tutti mi vogliono rottamare, sarò il primo ospite della struttura...").  "Il governo - ha detto ancora affrontando un altro rilevante tema economico - non potrà mai creare lavoro, il lavoro lo possono creare solo gli imprenditori, dobbiamo sostenere questi capitani coraggiosi che oggi dobbiamo chiamare eroi". La conclusione, come sbagliarsi?, è stata un altro attacco alla magistratura: "I problemi che frenano la ripresa economica sono il costo del lavoro, la burocrazia e il costo di uno Stato che si è troppo espanso ma anche la magistratura, con cui è difficile fare i conti".

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi