M5S si divide: maggioranza per espulsione Gambaro. Ma deciderà la Rete

. Politica

La maggioranza dei parlamentari a 5 Stelle ha votato stasera, nel corso di un'assemblea congiunta, per l'espulsione dal Movimento della senatrice Adele Gambaro che aveva criticato Beppe Grillo dopo il flop alle amministrative. Ma sulla cacciata della senatrice, su cui i grillini si sono pubblicamente divisi, deciderà la Rete al cui giudizio i gruppi parlamentari M5S si rimetteranno. La votazione ha dato questo risultato: 79 favorevoli all'espulsione, 42 contrari, 9 astenuti. Tra i contrari una ventina i senatori che si sono schierati al fianco della Gambaro. Nel corso della riunione non trasmessa in streaming, la senatrice dissidente ha letto una dichiarazione per affermare di non voler lasciare, di essere dispiaciuta ma senza chiedere scusa al leader del Movimento e poi ha lasciato l'assemblea. Riccardo Nuti e Nicola Morra, capigruppo M5S per Camera e Senato, hanno reso pubblica questa dichiarazione al termine della riunione: "L'assemblea riunita dei parlamentari M5S di Camera e Senato ha deciso a larga maggioranza: sarà la rete ad avere l'ultima parola. Noi siamo semplicemente la punta di diamante che lavora per tutti i cittadini che ci hanno portato in Parlamento. Se gli attivisti ritengono che la senatrice Gambaro abbia sbagliato è giusto che possano esprimere la loro opinione e che questa venga rispettata dai gruppi parlamentari. La senatrice Gambaro oggi in assemblea inizialmente non voleva parlare, poi ha letto un suo scritto ed è andata via. Non è stato quindi possibile avere un confronto e ciò ha influito negativamente sul giudizio dell'assemblea. Ora vogliamo lavorare in pace e smetterla di parlare di "gossip".

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi