Berlusconi: Resisto, la difesa della figlia Marina. Berlusconi vuole lasciare il suo nome sulla scheda

. Politica

Berlusconi non getta la spugna, anzi e' pronto a combattere fino all'ultimo round. "Non mi arrendo, resisto", e' la sua prima reazione alla dura sentenza del Tribunale di Milano sul processo Ruby. E lo difende la figlia Marina, che appare sua probabile erede alla guida del Pdl. Perche' Berlusconi vuole lasciare sulle schede il nome di Berlusconi, come sua "vendetta" anche alle prossime elezioni. "E' stata emessa una sentenza incredibile - ha spiegato il Cavaliere - di una violenza mai vista ne' sentita prima, per cercare di eliminarmi dalla vita politica". Ed ancora: "Non e' soltanto una pagina di mala giustizia, e' un'offesa a tutti quegli italani che hanno creduto in me". "Intendo - e' il suo pensiero - resistere a questa persecuzione perche' sono assolutamente innocente e non voglio in nessun modo abbandonare la mia battaglia per fare dell'Italia un paese davvero libero e giusto". Tutto il Pdl e' insorto in difesa del suo leader. Alfano gli ha detto: "Tieni duro". Brunetta vede la sentenza come politica, mentre Cicchitto parla di pacificazione saltata. Per l'ex capogruppo Pdl a Montecitorio si tratta di "un'operazione fatta non dagli esponenti del Pd che sostengono il governo, ma da chi muove contro un equilibrio politico che si vuole smantellare per andare evidentemente incontro a qualche avventura". Per la figlia Marina si tratta di una sentenza gia' scritta: "Mio padre non poteva non essere condannato". Prudenza dal Pd che invita a rispettare le sentenze e a non legare le vicende giudiziarie di Berlusconi alla stabilita' del governo. Mentre Vendola chiede le dimissioni di Berlusconi da ogni ruolo pubblico. Per i grillini dovrebbe invece essere il Senato gia' il 9 luglio a decidere l'inellegibilita' di Berlusconi ed a risolvere cosi' la pratica senza aspettare la sentenza definitiva della Cassazione in autunno.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi