Brunetta attacca Grasso e la Boldrini "la strana coppia contro le larghe intese"

. Politica

Il capogruppo del Pdl alla Camera, Renato Brunetta attacca a testa bassa i presidenti di Camera e Senato, Boldrini e Grasso definendoli "la strana coppia contro le larghe intese". E' difficile ricordare un intervento di simile portata da parte di un capogruppo alle due piu' alte cariche dello Stato, dopo il presidente della Repubblica. Berlusconi e' d'accordo? E se si', perche' rialzare la tensione, proprio nel momento in cui sembrava essere tornata la calma?Per Brunetta i due presidenti "ricordono un momento politico temerario, con Bersani che sognava maggioranze strampalate". Secono il capogruppo del Pdl Grasso e la Boldrini "sono oggi totalmente dissonanti rispetto al sentimento di una larghissima maggioranza, non solo del Parlamento ma dell'intero paese". Ed ancora: "Rischiamo cosi' di vanificare il cammino difficile ma produttivo che la grande coalizione di Letta ed Alfano sta intraprendendo". "Non abbiamo certo bisogno - prosegue Brunetta - di massimi rappresentanti delle istituzioni che lavorino per disegni organici a minoranze estremiste". Brunetta ce l'ha con la Boldrini, perche' si e' schierata con la Fiom ed ha rifiutato di incontrare l'ad di Fiat Marchionne. Grasso invece e' reo "di avere preconizzato una nuova maggioranza sostenuta dai grillini, costringendo il capo dello Stato a riparare i danni minimizzando". E conclude: "I fondo capiamo Boldrini e Grasso, sono esito di un momento politico temerarii, allorche' Bersani coltivava il sognio di maggioranze strampalate. Ma quella stagione e' finita ed e' bene che la strana coppia recuperi il senso delle istituzioni e la finisca di coltivare velleita'". 

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi