Il premier loda Renzi, "Un'ottima carta per il Pd..."

. Politica

Non si sbilancia sulla diatriba che spacca il Pd (e cioè il nuovo segretario sarà anche il candidato premier alle prossime elezioni?) ma si spertica in lodi per il collega di partito Matteo Renzi, suo presunto rivale. Anche per rintuzzare tutte le voci dentro e fuori il Nazareno che li vedono su fronti contrapposti e con velleità contrastanti, il presidente del Consiglio Enrico Letta non evita le domande rivoltegli a Ballarò sul sindaco 'rottamatore' ed è deciso quando dice "è più giovane di me e parla fiorentino. È un'ottima carta per il Pd del presente e del futuro". "Sono sicuro che faremo insieme tante cose. Penso che il futuro - conclude - lo affronteremo insieme. Decideremo insieme tante cose". Facile sentirlo ma un pò più delicato interpretarlo: al di là dei complimenti (in politica vale sempre il detto virgiliano: 'Timeo Danaos et dona ferentes'), forse Letta voleva dire che Renzi ha una prateria aperta davanti a sè nel partito e che lui non gli farà mancare l'appoggio nella corsa alla segreteria? E, sempre forse, voleva anche dirgli che è meglio concentrarsi 'solo' su quella battaglia, lasciando perdere palazzo Chigi, che è già occupato?...

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi