Calderoli: "La Kyenge mi sembra un orango". E' bufera, Napolitano "indignato"

. Politica

Alla fine di una giornata incandescente con il leghista Roberto Calderoli nella bufera per aver paragonato la ministro Cecile Kyenge ad un orango in un comizio nella bergamasca, è intervenuto anche Napolitano dicendosi "colpito e indignato" per l'imbarbarimento della vita civile: una condanna netta per le affermazioni del vice-presidente del Senato e anche un tentativo dall'alto del Colle più alto di far rinsavire - e forse convincere a farsi da parte - chi usa le parole in modo indegno e come lancafiamme, tanto più che è stata sempre la Lega un mese fa a prendersela con la ministro di colore con l'ineffabile europarlamentare Borghezio. Anche lui ha poi chesto scusa come oggi ha fatto Calderoli - sommerso da critiche bipartisan e inviti a lasciare la carica - buttandola sulla 'battuta' ma affermando anche di non avere nessuna intenzione di dimettersi. Bisognerà vedere come si comporteranno i senatori quando toccherà a lui presiedere la seduta a palazzo Madama; se se ne andranno per protesta come in molti hanno promesso allora il problema diverrà ancora più serio di quanto non lo sia già e l'esponente leghista potrebbe dover decidere altrimenti. La replica della Kyenge: "Non ha offeso me ma l'immagine dell'Italia". Enrico Letta ha definitro "inaccettabili" gli insulti di Calderoli e espresso totale solidarietà al ministro. Durissimo con il leghista Pier Luigi Bersani: "Non conosco animale che direbbe le bastialità di Calderoli" Ma Napolitano si è detto "indignato" anche per altri recentissimi esempi di "imbarbarimento" come gli insulti via Web a Mara Carfagna del Pdl ("Ti veniamo a prendere a casa" uno dei meno forti...) e l'incendio appiccato da sconosciuti (ma non poi tanto) al liceo 'Socrate' di Roma, una scuola distintasi per le sue battaglie anti-omofobia. Ma quali sono state esattamente le parole di Calderoli? "Io mi consolo quando navigo su Internet e vedo le fotografie del governo. Amo gli animali ma quando vedo le immagini della Kyenge non posso non pensare, anche se non dico che lo sia, alle sembianze di un orango'" ha detto l'esponente del Carroccio a Treviglio nel bergamasco. "Fa bene a fare il ministro ma forse lo dovrebbe fare nel suo Paese. E' anche lei a far sognare l'America a tanti clandestini che arrivano qui" ha aggiunto.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi