"Rafforzamento, ma nessun rimpasto", dice Franceschini

. Politica

E' toccato, come al solito, a Franceschini, prendere la parola, al posto di Letta, sul tema caldo del momento, il tagliando di settembre chiesto da Epifani. Anche il premier non sembrava essere contrario all'idea, per calmare i mal di pancia all'interno di un Pd sempre piu' insofferente. Il ministro per i rapporti con il Prlamento smentisce l'ipotesi di un giro di incarichi, all'interno del governo, che avrebbero potuto riguardare anche Alfano, dopo la vicxenda kazaka. "Va bene il rafforzamento - spiega - ma nessun rimpasto all'orizzonte". Ed ancora: "In molti, a cominciare dal segretario del Pd, Epifani, hanno giustamente parlato di un'esigenza di rafforzare il governo. Questo lo vogliamo soprattutto noi che ne facciamo parte, ma l'obiettivo si raggiunge lavorando sui punti programmatici che governo e maggioranza insieme si sono dati, a cominciare dalla conversione dei sei decreti legge gia' in Parlamento e dalle norme in preparazione su Imu, Iva, ammortizzatori social e esodati. Il governo si rafforza dando risposte ai problemi drammatici degli italiani, non dibattendo un presunto rimpasto che nessuno ha mai chiesto e che accentua quel senso di instabilita' politica in grado, come ha detto il governatore Visco, di frenare la ripresa".

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi