Omofobia: parte del Pdl vuole moratoria, levata di scudi del Pd "Siamo all'ultimo miglio"

. Politica

Prima l'economia o l'etica? Una parte del Pdl non ha dubbi, la crisi viene prima di ogni altra cosa e poi per un governo, gia' claudicante di suo, in una persistente "fragilita' politico istituzionale, e' meglio evitare i tempi etici, che sono divisivi. Cosi' Lupi, Carfagna, Gelmini e Sacconi propongono una moratoria. La legislatura potrebbe invece essere usata per un "approfondimento sereno alla ricerca di soluzioni largamente condivise che consolidino la base etica unitaria del nostro popolo". Ed ancora: "La stessa stabilita' politica ne trarra' vantaggio perche', il formarsi di maggioranze variabili su principi fondamentali mette a rischio quella coesione che costituisce presupposto per rilevanti decisioni che dovranno essere assunte in relazione alla grande crisi dell'economia e del lavoro". Pero' nel Pdl non tutti la pensano cosi', a partire da Bondi e Galan, per i quali non e' necessaria una moratoria bensi' "un confronto aperto e costruttivo". Anche per Gasparri i temi "non vanno elusi", ed il Pdl ha le idee molto chiare. Cicchitto la vede piu' come un'opportunita' di scambio: "Se si deve mettere mano alle tematiche di civilta', allora bisogna anche riformare la giustizia". Ma il vero motivo del contendere al momento e' la legge che introduce il reato di omofobia, giunta gia' quasi al traguardo in commissione Giustizia della Camera. Ed allora arriva puntualmente la levata di scudi del Pd, che e' favorevole alla legge. "Nessuna moratoria, siamo all'ultimo miglio...", tagliano corto il capogruppo Pd in commissione Giustizia, Verini e Ivan Scalfarotto, relatore del provvedimento.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

Commenti

0 # carolus 2013-07-22 11:51
Nelle pretese del PD e della sinistra non c'è niente di etico ma solo di amorale e di distruttivo verso la famiglia, la religione e la natura dell'uomo.

I commenti sono chiusi