"Non ci saranno terremoti", dice Letta e la Boldrini mette le mani avanti

. Politica

Multithumb found errors on this page:

There was a problem loading image 'images/articoli/personaggi/boldrini2.jpg'
There was a problem loading image 'images/articoli/personaggi/boldrini2.jpg'

Ormai mancano una manciate di ore alla sentenza della suprema Corte su Berlusconi e Letta cerca di assicurare sulla tenuta del governo: "Non ci saranno  i terremoti che vengono evocati da chi spera, evidentemente, nei terremoti evocati", afferma il premier da Atene. Ed aggiunge: "SWono convinto che la situazione sia molto piu' stabile di come viene presentata, sono stato sempre sulla linea che non si commentano le sentenze e non la cambio a 24 ore dalla decisione della Corte". La presidente della Camera, Laura Boldrini, mette le mani avanti e sostiene: "Un singolo caso giudiziario non dovra' avere ripercussioni sull'attivita' parlamentare". Il Pdl insorge compatto a difesa del suo leader. Fabrizio Cicchgitto attacca: "Altro che singoli casi giudiziari. Si tratta di 10 miluoni di italiani che in caso di condanna di Berlusconi rischiano di non avere piu' rappresentanza politica". Il Pdl sembra convinto di un imminnente condanna, come pronosticato da Daniela Santanche'. Ed anche Cicchitto ha la stessa opinione: "Alla presidente Boldrini ricordiamo che Parlamento ed istituzioni rappresentano quella democrazia che con ogni probabilita' domani sara' mutilata". 

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti: