Ci siamo, tra stasera e domani la sentenza del secolo su Berlusconi

. Politica

Ci siamo, stasera o al massimo domani si conoscera' il destino politico e non solo di Silvio Berlusconi. Ormai non e' tempo di scenari o di ipotesi future, sta per arrivare il tanto atteso e temuto momento della verita'. Sul dopo si discutera' da domani e bisognera' vedere se le prime reazioni saranno improntate alla calma ed alla prudenza oppure se si scatenera' una bagarre, che sarebbe difficile da tenere sotto controllo, anche da personalita' come Napolitano o Letta. I giudici della Suprema Corte dovranno dire: condannato oppure assolto. Con l'unica alternativa del rinvio in Appello con conseguente nuovo rischio di prescrizione. Ma gli indicatori propendono per una decisione secca, che chiuda una volta per tutte questa pagina, che pero' non sara' l'ultima dello scontro politica-giustizia. Gli ultimi a parlare nel pomeriggio saranno i difensori di Berlusconi, prima Ghedini e poi, il principe del Foro, Franco Coppi, che ha annunciato un'arringa breve di un'ora e mezza. Evidentemente ritiene di avere ragioni tanto valide da esporre, che la brevita' non puo' che aiutare a evidenziare. Poi i giudici si riuniranno in Camera di consiglio. Il presidente Antonio Esposito, ha anche detto, che in caso di allungamento dei tempi, il collegio potrebbe riaggiornarsi a domani. Coppi e Ghedini preferirebbero invece avere la sentenza gia' stasera. 

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi