La "trattativa" impossibile o quasi di Berlusconi per un "salvacondotto"

. Politica

Berlusconi vorrebbe mantenere "l'agibilita' politica", cioe' potere continuare a guidare anche da fuori il Parlamento la sua nuova creatura politica, che nascera' a settembre, Forza Italia 2.0. Non se la sente ancora di passare la mano ed indicare l'uomo o la donna che raccogliera' la sua eredita'. Ormai si e' rassegnato alla condanna, forse ai servizi sociali e sarebbe anche disposto a dimettersi da senatore, prima di essere cacciato con un voto. Sa anche che non si potra' ricandidare, ma vorrebbe continuare a guidare un movimento snello. E del resto non c'e' Grillo che lo fa, pur non essendo in Parlamento? Il problema e' come, e cosi' parte una sorta di "trattativa", tramite le rispettive diplomazie, con il Colle. Un'altra cosa che sa e' che Napolitano non potrebbe mai concedergli la grazia ora, sconfessando la magistratura, con un quarto grado di giudizio. Ed allora a che cosa punta? Cosa cercheranno di dire i suoi capigruppo Schifani e Brunetta a Napolitano? Una possibilita', che secondo i suoi avvocati, potrebbe realizzarsi e' quella del "modello Sallusti", il direttore del Giornale che sconto' ai domiciliari solo 18 giorni, grazie all'intervento di Napoliano, con la commutazione della pena da detentiva a pecuniaria. Ma il reato era molto diverso e diverso l'impatto politico e giuridico. Altra strada potrebbe essere quella della non applicazione della legge Monti, che prevede l'immediata decadenza, visto che la legge e' successiva al reato commesso. Una sorta di "congelamento dell'incandidabilita'", fino alla sentenza definitiva sull'interdizione dai pubblici uffici. Intanto passarebbero mesi. Ma anche su questo punto il Senato, con la Giunta dellle elezioni che si riunira' in settimana, non appare disposto a prolungare la vicenda. Perche' in Senato contro Berlusconi c'e' una maggioranza del Pd con i grillini e Scelta civica, disposta a votare contro di lui. Quindi il "salvacondotto" permanente od anche solamente provvissorio rimane molto difficile. Bisognera' vedere se a Napolitano verra' un mente qualche cosa. E sperare nel presidente e' l'unica possibilita' che rimane al Cavaliere. Chissa'?...

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi