Il giudice Esposito: "Berlusconi condannato perche' sapeva", poi la smentita, piccolo "giallo"

. Politica

Silvio Berlusconi sapeva della frode fiscale. Per questo motivo e' stato condannato. Lo avrebbe sostenuto il giudice Antonio Esposito, presidente della sezione feriale della Cassazione, che ha firmato la condanna a 4 anni di reclusione, dei quali tre condonati con l'indulto, di Berlusconi. Le rivelazione del giudice, che poi dovrebbero essere contenute nella motivazione della sentenza, ancora non depositate e rese pubbliche, sono state riportate dal qupotidiano napoletano Il Mattino. A breve giro arriva la smentita del magistrato, che sarebbe tenuto al segreto prima della divulgazione delle motivaziani: "Ho parlato solo in termini generali". Controreplica del Mattino: "Tutto registrato". Esposito nel suo colloquio con il giornale avrebbe toccato proprio il punto piu' controverso e delicato della sentenza. In questo caso - avrebbe detto - non e' possibile sostenere che "non poteva non sapere". Al contrario, la condanna e' arrivata "perche' sapeva", era stato infornmato del reato. Ed e' arrivata anche la spiegazione: "Tu venivi portato a conoscenza di quello che succedeva, tu non potevi non sapere, perche' Tizio, Caio e Sempronio hanno detto che te lo hanno riferito. Un po' diverso dal non poteva non sapere". Scontata la bufera di polemiche aperte dal Pdl e dagli avvocati di Berlusconi per la improvvida" dichiarazione, ma un piccolo curioso "giallo" giuridico si apre e bisognera' aspettare la pubblicazione delle motivazioni per chiarirlo. Ora si sa che la Cassazione non fa un nuovo processo ma valuta la correttezza giuridica dei primi due gradi di giudizio. Insomma ne' nuove prove, ne' nuovi testimoni. Ora nelle motivazioni dell'Appello Berlusconi e' stato condannato perche' era "Ovvio che sapesse", ora invece Esposito si sarebbe spinto piu' in la', affermando con assoluta certezza: "Sapeva". Ora da dove e da quali carte la Cassazione ha tratta questa nuova certezza?

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi