Che fine ha fatto Fini? Il "traditore" tradito

. Politica

Nessuno sa bene che fine abbia fatto Fini, quelli che non portano rancori gli augurano che sia sereno e che non siano vere alcune dicerie su una crisi con la sua compagna, voci marine che tra l'altro lo accomunano ad un altro ex presidente della Camera. Qualcuno nel passato avrà per caso mandato qualche maledizione politica al più alto scranno della Camera? Lo scomparso Giovanni Leone che oltre ad essere stato presidente della Repubblica lo fu anche di Montecitorio, proporrebbe quelle scaramantiche corna, che da buon napoletano spesso usava. . "Vi ricordate - scrive oggi Marcello Veneziani sul Giornale - che cos'era Fini per la sinistra ai tempi dello scontro con Berlusconi? Uno statista un vero leader da intervistare ed elogiare, un antifascista sincero. Era diventato una star, ogni sua banalità sembrava acuta, i suoi fedelissimi apparivano come una specie miracolosa di destra intelligente, moderna, libera, europea. Salamelecchi qua e la'. Lui stesso il poverino, si era convinto di essere quel che scrivevano i giornali. E ci aveva preso gusto. Non dava peso a chi gli diceva: guarda che ti stanno usando, quando non servirai più per sfasciare il centrodestra ti butteranno via come una scarpa rotta e spaiata, fingeranno di non conoscerti". Ed ancora: "Lui non aveva capito che piaceva a chi non lo avrebbe mai votato e nemmeno adottato. E piaceva soltanto finche' serviva allo scopo. Poi l'hanno buttato a mare, con la scusa della pesca subacquea ed hanno tolto la scaletta per risalire". In questi giorni a Montecitorio hanno messo una sua foto mentre guarda pensieroso, chissà cosa, sulla parete dove ci sono le immagini di tutti presidenti della Camera. A lui e' toccato di essere postato vicino all'uscita di sicurezza...

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi