Amato alla Consulta, Lega e M5S attaccano Napolitano

. Politica

Giuliano Amato è stato nominato da Giorgio Napolitano giudice della Corte Costituzionale. La nomina, comunicata dal Quirinale, ha fatto insorgere Lega Nord e Movimento 5 Stelle.  Con decreto ai sensi dell'art. 135 della Costituzione il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha comunicato che Amato - due volte premier, ministro in tre governi, già vice-presidente della Convenzione Ue, giurista e costituzionalista - subentrerà al professor Franco Gallo, che cessa dalle sue funzioni di giudice e di presidente della Corte Costituzionale il prossimo 16 settembre. Il decreto è stato controfirmato dal presidente del Consiglio dei ministri Enrico Letta. Un tempo esponente del partito Socialista italiano, già delfino di Craxi, Giuliano Amato, 75 anni, ha poi aderito all'Ulivo e infine al Partito Democratico. Il 2 giugno 2008 ha pubblicamente annunciato il suo allontanamento definitivo dalla politica italiana ma il suo nome non è mai uscito dai taccuini dei giornalisti parlamentari e dalle segrete stanze dei partiti maggiori ed è rispuntato più volte, sia pure solo come boatos, nei momenti di una crisi di governo o di un'elezione alle massime istituzioni della repubblica. Nel 2009 Amato è nominato presidente dell'Istituto dell'Enciclopedia Italiana Treccani. Nel febbraio 2010 viene nominato maggior consulente in Italia per la Deusche Bank. Il 21 febbraio 2012 è stato designato presidente della Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa, sempre su decisione di Napolitano. Negli anni Ottanta Eugenio Scalfari trovò per lui il soprannome di 'dottor Sottile' con doppio riferimento al suo acume politico e alla gracilità fisica. Contro la scelta del capo dello Stato il segretario della Lega Nord lombarda, Matteo Salvini: "Il signor Napolitano, che non è il mio Presidente, ha appena nominato un volto nuovo, un giovane in gamba, come giudice della Corte Costituzionale - scrive con sarcasmo Salvini su Facebook -. Giuliano Amato. Quello del prelievo dai conti correnti degli italiani. Quello dei 30.000 Euro di pensioni al mese". Idem sentire da parte dei grillini che parlano di "vergogna". Il deputato M5S Riccardo Fraccaro ha commentato: "Napolitano ha nominato Giuliano Amato, ex tesoriere di Craxi e pensionato d'oro, giudice della corte costituzionale. Ad insaputa della costituzione". 

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi