L'ottimismo di Alfano: "Domani splenderà il sole"

. Politica

Multithumb found errors on this page:

There was a problem loading image 'images/articoli/personaggi/alfano3.jpg'
There was a problem loading image 'images/articoli/personaggi/alfano3.jpg'

Domani dopo il videomessaggio di Berlusconi splenderà il sole. Taglia corto Alfano sulla sorte del governo, spegnando le speranze di chi vorrebbe la crisi. "Il barometro del governo? E' tra variabile e pioggia - risponde Alfano a Bruno Vespa, che ultimamente si e' fissato con il barometro e la clessidra - ma domani splenderà il sole, nel cielo azzurro di forza Italia". Ma per adesso e' notte buia per il Cavaliere, oggi la Cassazione ha confermato che deve dare 500 milioni circa al suo "nemico" De Benedetti. E' vero che la somma e' già stata depositata e vincolata in attesa della sentenza definitiva, ma e' lo stesso un durissimo colpo, per lui che pensa che tutti quei soldi gli siano stati ingiustamente sfilati dalla tasca. E pensa anche, a preferenze politiche invertite, come sarebbe andata la partita con De Benedetti? Domani ci sarà il primo voto sulla sua decadenza da senatore della giunta, che ha "bocciato" l'onorevole compromesso presentato dal socialista Buemi. Il "lodo Buemi" prevedeva di dichiarare la decadenza del leader del Pdl in base all'interdizione, che verra' decisa dalla Corte d'Appello di Milano e non per la legge Severino. Il Cavaliere avrebbe avuto una boccata d'ossigeno e una decisione in  questo senso non sarebbe più stata solo politica ma sarebbe stata la semplice ratificazione di una sentenza. La sinistra avrebbe ottenuto lo stesso la decadenza di Berlusconi con la certezza che non vi sarebbero stati ricorsi per la retroattività. Alfano ha anche confermato che dopo il voto in giunta tutta la delegazione governativa si recherà' da Berlusconi per concordare il da farsi. Il vicepremier e' anche intervenuto sulle dichiarazioni, fuori onda, del sottosegretario Giuseppe Castiglione, riportate da Piazza pulita. "Assai" aveva detto Castiglione, per poi smentirlo ma lo hanno ascoltato tutti ed a lungo, sono i senatori del Pdl pronti a votare un nuovo governo, perché le elezioni "sarebbero una tragedia". "La linea - ha spiegato Alfano - la stabilisce il presidente Berlusconi, chi non la segue e' fuori. La lealtà degli eletti siciliani sarà completa, come sempre". Non poteva mancare un commento all'ultima decisione della Cassazione: "Ritengo questa sentenza spropositata nella dimensione, con un risarcimento enorme, a conferma di tutto ciò che Silvio Berlusconi dice da anni, cioè che nei suoi confronti c'e' un attacco al Berlusconi politico, cittadino e alla sua carriera imprenditoriale". Dal diretto interessato, invece nessun commento (forse lo farà domani, non e' escluso che il rinvio del video sia proprio dovuto alla nuova, anche se aspettata mazzata). La posizione della famiglia e' stata affidata ad una nota della combattiva figlia Marina. "Non ci arrendiamo", afferma e continua: "Questa sentenza non e' giustizia, e' un altro schiaffo alla giustizia. Rappresenta la conferma di un accanimento sempre più vedente. E la sua gravita' lascia sgomenti".

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi