Sull'orlo della crisi, Alea iacta est: Berlusconi "Operazione eversiva contro di me"

. Politica

Multithumb found errors on this page:

There was a problem loading image 'images/articoli/personaggi/berlusconi_5.jpg'
There was a problem loading image 'images/articoli/personaggi/berlusconi_5.jpg'

"E' in corso un'operazione eversiva che sovverte lo stato di diritto ad opera di magistratura democratica". Parole durissime di Berlusconi che portano il governo sull'orlo della crisi. A queste parole si aggiungono poi le dimissioni per acclamazione offertegli da tutti i deputati e senatori. Rimarranno pero' congelate fino al voto in giunta, previsto per il 4 ottobre. La decisione e' maturata nel corso della riunione congiunta dei gruppi parlamentar del Pdl, e le dimissioni sono state consegnate in bianco ai capigruppo Schifani e Brunetta. I ministri per ora rimangano, in attesa di sviluppi. Infatti dopo simili affermazioni e con decisioni così' drastiche del pdl e' immaginabile che a breve si avranno sviluppi. Che potrebbero anche essere clamorosi a partire da Napolitano. Letta difficilmente potrà' andare avanti, anche se ci fossero ripensamenti. Berlusconi ha detto anche altro e sempre in modo molto duro: "Dal 94 ad oggi la sinistra non e' cambiata, sono sempre gli stessi. Non si sono ancora ravveduti. La loro ideologia e' criminale, sono invidiosi". Poi ha raccontato di avere perso 11 chili, uno per ogni anno di condanna, i 4 per Mediaset e i 7 per il processo Ruby e di avere passato i 55 giorni più' brutti della vita, passando notti insonni ed addormentandosi solo alle 5 di mattina".

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi