Berlusconi tiene duro, inutile tentativo Alfano con Letta

. Politica

Angelino Alfano ha provato a convincere Letta, ma il problema riguarda tutto il pd che bolle come il mare in tempesta. Alfano ha chiesto al premier di cercare di convincere il suo partito a rinviare il voto al Senato della giunta sulla decadenza di Berlusconi da senatore, in attesa delle decisione della Corte d'Appello Milano. Una manciata di giorni per salvare il governo. Ma Letta non vuole e non può. Certo non vuole essere lui ad apparire come quello che si consegna a Berlusconi, ne andrebbe del suo futuro come premier di un prossimo governo di centrosinistra e non può certo arginare una base che si rivolterebbe. Letta ha fretta e per chiarire subito e per liberarsi per l'eventuale sfida con Renzi, senza rimanere al palo. L'obiettivo del pdl, e' stato confermato anche nell'ennesimo vertice a palazzo Grazioli, non e' il governo ma la decadenza di Berlusconi mediante la legge Severino. Perché la decisione della Corte d'Appello, che comunque manderebbe fuori dal Parlamento il Cavaliere entro meta' ottobre il pdl sarebbe costretto ad accettarla, perché si tratterebbe solo di prendere atto di una sentenza. Letta e' andato giù duro con Alfano e gli ha anche detto senza mezzi termini, che già il Consiglio dei ministri di stasera sarà un banco di prova, un primo bivio: se usciamo con dei provvedimenti significa che si va avanti, altrimenti assumete subito la responsabilità della crisi. Ma anche Alfano, più di tanto non può fare, se vuole continuare a sperare di essere il prossimo leader del pdl. Schifani e Brunetta ribadiscono quanto scritto oggi a Napolitano, il problema non e' il governo ma la decadenza di Berlusconi. Cicchitto ha spiegato che non esiste l'ipotesi di dimissioni immediate dei ministri del pdl. E sul voto di fiducia, aggiunge: "Ascolteremo Letta con attenzione, vedremo". Intanto Berlusconi, approfitta di potersi ancora muovere liberamente, e torna ad Arcore. Per il 4 e' stata fissata una manifestazione di Forza Italia dal titolo inequivocabile: "Con Berlusconi decadiamo tutti". Domenica 29 e' il 77 compleanno di Berlusconi. Una festa molto particolare, molta angoscia pochi auguri.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi