Napolitano: Ho accettato rielezione solo per le riforme

. Politica

Giorgio Napolitano lega con forza il suo mandato al completamento dell'iter delle riforme, a partire da quella elettorale. Comprendendo nell'urgenza istituzionale anche un provvedimento di amnistia od indulto. "La dolorosa, umiliante, ineludibile - spiega alla cerimonia per i Cavalieri del lavoro - emergenza carceraria e' una delle fide ed emergenze proprie dell'Italia". E lui, che non ha cercate la rielezione a Presidente, sente il carico di tutte queste sfide. E se non dovesse essere ascoltato e' sempre pronto, un gesto clamoroso. "Al procedere delle riforme - afferma Napolitano - io ho legato il mio impegno all'atto di una non ricercata rielezione presidente, impegno che porterò avanti finche' sarò in grado di reggerlo ed a quel fine". Occorre andare vanti, ribadisce, a fare le riforme "politiche e istituzionali", da tempo ritenute necessarie. A partire, dunque, dal Porcellum e dalla revisione della seconda parte della Costituzione.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi