Fiorello "Scissione dell'atomo" ma Monti apre le danze, Casini "rissoso, inaccettabile", Alfano lancia grande centro

. Politica

"Scissione dell'atomo, studiata al Cern", non manca cerca la battuta a Fiorello per fotografare la scissione di Scelta civica. Ma forse dimentica che e' proprio dall'atomo che tutto nasce e che in politica mosse che possono sembrare irrilevanti, spesso portano a cambiare gli scenari. Monti ha aperto le danze per il dopo Berlusconi. E non e' poco. Con la sua liquidazione di Scelta civica e le sue dimissioni da presidente ha dato il via ai movimenti in corso da tempo al centro. Gli attori principali Mauro, ministro della Difesa, ed ex uomo del professore al governo, Casini, che si era allontanato da tempo, ricostituendo la piccola pattuglia con i superstiti dell'Udc ed Alfano, che sta guidando tutta la parte del pdl che lo seguirà sulle posizioni del ppe. Casini, che pure aveva dato il suo sangue politico a Monti, si e' rimesso in proprio: "Le accuse del professore nei miei riguardi sono semplicemente ridicole". Ed a Matrix, Casini dice che Monti "e' inaccettabile ed e' diventato rissoso". Monti da parte sua parla di "dimissioni irrevocabili" e spiega: "Alcune persone all'interno di Scelta civica hanno travisato la natura del nostro movimento". Ma a che si riferisce Monti? Alle manovre in corso da tempo per dare vita ad un grande centro, una sorta di nuova dc, ancorato al ppe. E perni dell'operazione sono proprio Alfano e Mauro (che proviene dal pdl, dal quale si era allontantanato per problemi anche personali con Berlusconi). E naturalmente a tutto questo movimento guarda con grande attenzione Enrico Letta, in attesa di vedere come si svilupperanno le cose in casa sua, dopo la presa del potere del suo vero avversario per palazzo Chigi, Matteo Renzi. E Alfano e' uscito allo scoperto (almeno in parte, perché' parla ancora di Berlusconi, anche se sa che il progetto potra' partire solo senza la presenza attiva del Cavaliere), lanciando un grande centro, in grado di vincere alle prossime elezioni contro le sinistre. "Io sono dentro un movimento che vuole restare autonomo e fare il centrodestra italiano. L'ambizione e' un grande bipolarismo. Ciascuno può' scegliere se fare parte della futura vincente coalizione con il proprio abito". Ed ancora: "Ci sono un progetto ed una bussola per vincere". Su Monti si e' limitato a dire: "Monti ha sperimentato direttamente quanto sia difficile stare al governo la cui azione va sostenuta in modo costruttivo, chi sta a bordo deve collaborare". Parole che sembrano essere indirizzate anche a Berlusconi.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi