Voto segreto o palese? Inutile polemica, Berlusconi comunque decadrà, voto segreto voluto dal Pci

. Politica

Multithumb found errors on this page:

There was a problem loading image 'images/articoli/personaggi/berlusconi12.jpg'
There was a problem loading image 'images/articoli/personaggi/berlusconi12.jpg'

Uno dei misteri della politica e' questa inutile querelle sul voto segreto o palese, quando si voterà la decadenza a Berlusconi nell'aula di palazzo Madama. La maggioranza dei senatori voterà' comunque per la decadenza di Berlusconi. Ed a scrutinio segreto i numeri potrebbe essere anche differenti ma di poco. Ammesso che oltre ai suoi, alla Lega ed ai centristi ex montani, guidata da Mauro e Casini, sono dodici, mancherebbero lo stesso a Berlusconi una trentina di voti. E andare a cercarli tra grillini e pd, appare pura esercitazione di fantapolitica. Sarebbe solo un grossolano errore quello del pd di cedere alla richiesta del voto palese. Infatti il voto segreto fu, giustamente voluto, dal Pci per tutelare la persona e su questo lasciare libertà di coscienza ai parlamentari, svincolandoli dai gruppi di appartenenza. Per il pd, sarebbe una manifestazione di una debolezza, senza motivo, anche se Berlusconi ci lavora su. Ma ormai il Cavaliere e' in preda ad una sorta di delirio politico ed ascolta anche chi cerca di convincerlo, pallottoliere alla mano, in una non improbabile ma impossibile operazione. La sua data e' segnata, sarà solo il presidente del Senato Grasso a deciderla, quando, a meta' novembre, verra' fissato il giorno di quella che il Cavaliere chiama ghigliottina. 

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi