Quagliariello spiega tutto, "Alea iacta est con 2 ottobre di Alfano", "non si torna indietro"

. Politica

Multithumb found errors on this page:

There was a problem loading image 'images/articoli/personaggi/alfano8.jpg'
There was a problem loading image 'images/articoli/personaggi/alfano8.jpg'

Gaetano Quagliariello, braccio destro di Alfano e uomo vicino al Colle, spiega tutto ed avverte: "Da mercoledì' 2 ottobre, giorno della fiducia a Letta, non s torna indietro. Se qualcuno puntasse di nuovo alla crisi si ritroverebbe gli stessi numeri a favore del governo. Anzi forse qualcuno in più'". Ed in un'intervista al Messaggero aggiunge: "Il paese pretende che si faccia di più. Nel contempo, pero', se si domanda se il governo debba andare avanti, una larga maggioranza dei cittadini risponde di si'". Chi nel Pdl chiede l'azzeramento della cariche del partito - continua Quagliarielloio - e' contro un progetto inclusivo, moderato e in sintonia con chi ci vota. Quello che e' accaduto dentro Scelta civica e' una grande opportunità da cogliere, partendo dalle scelte concrete di governo: Spiegazione chiarissima, ormai nel pdl alea iacta est: "Se il centrodestra vuole tornare a vincere deve andare da Alfano a Casini, con Silvio capo carismatico ed Angelino alla guida del partito".

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi