Blitz di Grillo al Senato: "Problemi con l'anziano signore"

. Politica

Il leader dei cinque stelle, Beppe Grillo, a sorpresa, fa una visita al Senato, e tra battute taglienti e sferzate politiche, ne ha per tutti. Prima spiega perché il rifiuto di andare al Colle: "Era inutile. Non uno sgarbo, ma i giochi erano già fatti, bisognava andare li' a dire cosa?", poi aggiunge: "Con Napolitano il rapporto si e' complicato, almeno per me e' complicato, perché non rappresenta più la totalità degli italiani, ma e' un presidente di settore". Sull'impeachment "decido io". Grillo ha anche scherzato: "Sono venuto a vedere l'arredamento", ed a chi gli chiede un commento sulla decadenza di Berlusconi, risponde sorridendo. "Lo chiedete a me? Sono solo un comico populista". Sull'immigrazione, dove era scoppiata una grana, per la decisione  di due senatori del M5S di approvare la cancellazione del reato di clandestinità', Grillo ribatte: "Non ne sapevo niente, Casaleggio non ne sapeva niente, e' un problema di procedure, un simile tema deve essere oggetto di referendum". "Ognuno - spiega - può avere idee e a favore o contro. Destra e sinistra su questo tema si giocano l'identità pur essendo convissuti come gemelli siamesi". Infine. "Abbiamo un presidente del Consiglio che va in tv a mentire, dicendo che noi non vogliamo cambiare il Porcellum. Siamo all'analisi comportamentale, ci sono grossi problemi. Sarebbe meglio andare al voto, in qualsiasi modo". 

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi