22 "scissionisti" pdl scrivono a Grasso, per il voto "segreto", ma come avrebbero votato? Il "favore" a Berlusconi del voto palese

. Politica

A volte chissà perche' la politica si incarta e ne escono risultati, forse inconsapevolmente, contrari a quanto voluto. L'inutile polemica sul voto palese o segreto si arricchisce di una nuova puntata. Berlusconi sarebbe stato comunque dichiarato decaduto, in un modo o nell'altro. Ma così chi pensava di agire contro Berlusconi gli ha dato il ruolo della vittima sacrificale, sacrificato il principio del voto segreto voluto da Togliatti, e soprattutto la possibilità di vedere chi dei suoi, eventualmente lo tradirà, in modo da poterlo additare al suo popolo.  Così' 22 senatori, i cosiddetti "innovatori" o "traditori", ad ognuno la sua lettura, hanno scritto una lettera a Grasso, perché "ignori" il parere della giunta e decida per il voto segreto. Probabilmente per Berlusconi con il voto segreto le cose sarebbero andate peggio in fatto di numeri. Quanti dei 22 avrebbero votato in suo favore? Ora pero' si dovranno esporre e non sarà facile, perché la partita politica nel centrodestra e' molto aperta. E indipentemente da chi vincerà le elezioni, saranno in molti a non avere più lo scranno parlamentare assicurato. Con Berlusconi che ha ripreso fiato, perché alla fine ha deciso di fare a modo suo. Così accelera sul Consiglio nazionale ed il passaggio a Forza Italia e chiede "unita'". Chi non gliela darà o peggio voterà contro di lui alle prossime elezioni dovrà  cercare fortuna altrove.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi