Il Pd "goloso" di avere una stella vincente lo ha incoronato e Renzi si da' due mesi

. Politica

E' stato incoronato dal suo popolo che e' andato in massa a votarlo. Quasi tre milioni di elettori, la maggior parte non iscritti, ma "golosi" di avere finalmente una stella nel firmamento della sinistra, un Obama, un Tony Blair, per riuscire finalmente a vincere senza fatica e soprattutto senza se e senza ma, contro il centrodestra, chiunque lo rappresenti. E l'aria che tira oltre all'addio al vecchio, e mai da molti dimenticato, partito comunista e' anche l'addio a quel patto "cattocomunista", come definito dagli avversari, che in omaggio alla vecchia dc, poi popolari e Margherita ha governato insieme ai post comunisti, da pci diventati pds, poi ds, il pd, dal 2007, quando fu lanciato a Torino da Veltroni.  Per il Manifesto quella di ieri e' stata "L'ultima bolognina", quella che fu la prima tappa di discontinuità voluta da Occhetto nel 91, dopo il crollo del muro. E' la prima volta che il partito viene consegnato dai suoi elettorali a uno che non viene dalla sua storia. La "Ditta" come la chiamava Bersani sembra avere chiuso i suoi battenti, con la nascita di una nuova Bad Godesborg, per relegare i comunisti in soffitta. Ma forse e' anche il fatto che i comunisti si sono stancati di rimanere comunisti ma di perdere sistematicamente tutti gli appuntamenti decisivi. E lui Renzi non perde temo e si da' due mesi. "E' l'ultima occasione. Il meglio deve ancora venire", mette per iscritto su Facebook. Ed annuncia alla Stampa: "i primi due mesi saranno decisivi". E un vero cambiamento decisamente non sarà possibile con questo governo, ormai caduto nelle paludi, delle trattative necessarie per la sua sopravvivenza. Renzi incontrerà Letta, ma ha anche detto di non avere stipulato con lui nessun patto. La riforma elettorale si può fare anche in quindici giorni, mentre le riforme costituzionali possano attendere governi e maggioranze più solide. Questo il pensiero del giovane sindaco, che si aggince, se non altro per forza d'inerzia, a rottamare anche il governo.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi