Berlusconi condannato in primo grado a 3 anni per compravendita senatori. Lui "Processo politico"

. Politica

Silvio Berlusconi e' stato condannato dal Tribunale di Napoli a 3 anni in primo grado per corruzione in relazione alla vicenda della compravendita di senatori. Tre anni anche al faccendiere Lavitola. Secondo l'accusa sono stati pagati tre milioni di euro al senatore De Gregorio in cambio del suo voto che porto' alla caduta del governo Prodi. Berlusconi secco: "Lesa democrazia non mia persona, E' stato un processo politico". E' stata decisa anche l'interdizione dai pubblici uffici per cinque anni. "Prendo atto di una assurda sentenza politica - il commento dell'ex premier - al termine di un processo solo politico costruito su un teorema accusatorio risibile. Resto sereno, certo di avere sempre agito nell'interesse del mio paese e nel pieno rispetto delle regole e delle leggi, così come continuerò a fare". Berlusconi parla di "persecuzione giudiziaria" tesa a ledere la sua "immagine di protagonista della politica". La pubblica accusa aveva chiesto cinque anni. Il Cavaliere ha in corso altri due processi che devono ancora arrivare alla sentenza di primo grado. Quello per le escort a Bari e quello a Milano che lo vede imputato per corruzione in atti giudiziari, per avere secondo l'accusa pagato alcuni testimoni nel primo processo su Ruby. In entrami i casi rischia pesanti condanne soprattutto nel processo a Milano. Per arrivare a sentenze passate in giudicati occorreranno almeno un paio d'anni. L'interdizione dai pubblici uffici, invece si va ad aggiungere a quella che sarebbe finita nel 2018, e per la legge Severino vale da subito.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA
Puoi leggerci da Smartphone e Tablet Pc direttamente su Google Play Edicola




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi