Nuova "giunta-badante" per Marino, più un "Orfini 1" che un "Marino bis". L'anti no Tav Esposito ai Trasporti

. Politica

Una nuova giunta tutta a trazione Pd, la terza squadra di governo di Marino in meno di due anni. Per cercare di resistere e di rimanere in Campidoglio, ma decisamente ingabbiato e sotto tutela. I nuovi assessori li ha scelti personalmente il presidente del Pd, Matteo Orfini, che ha ottenuto per questo estremo tentativo carta bianca dal premier Renzi. Marco Causi e' il vice sindaco, Marco Rossi Doria va alla scuola e Luigina Di Liegro,nipote del fondatore della Caritas, Don Luigi Di Liegro al Turismo. Ma il vero pezzo forte di questo rimpasto, fortemente voluto da Orfini, che ha anche dovuto faticare per fargli accettare l'incarico e' Stefano Esposito, famoso ime santi no Tav, destinato a quella che in questo momento e' la casella più importante e delicata, i trasporti. In questo settore non si escludono ulteriori sviluppi nell'inchiesta Mafia Capitale. "Vogliamo iniziare una nuova fase, per i prossimi tre anni il programma di midterm prevede obiettivi concreti, risultati visibili e tempi certi. Ora pensiamo al decoro, alla pulizia, alla mobilita', alla casa e alla rigenerazione urbana. Il premier Renzi ha ragione nell'affermare che un'amministrazione deve essere valutata per ciò che fa", il commento di Marino. Ha parlato come se prima di lui ci fosse stato un altro sindaco. Esposito e' molto legato ad Orfini e da lui era stato mandato a commissariale il Pd di Ostia che si trovava in una situazione difficile, riuscendo addirittura a precedere le indagini della magistratura. E' stato il presidente del Pd a portare avanti un'operazione su due fronti. Ha convinto, almeno per il momento Renzi, che di Marino non ne voleva più sapere e lo stesso Marino, chiuso in una sorte di nuvola autorefenziale, portandolo ad accettare una "giunta badante". Ora bisognerà vedere cosa accadrà nell'immediato futuro. I maggiori giornali italiani ed anche la stampa estera smetteranno di attaccare Marino? Aspetteranno di valutare l'operato della nuova giunta e sospenderanno gli attacchi giornalieri a Roma? Certo le cose non possono cambiare in una manciata di giorni. Ma non occorrerà  molto per capire se la stampa ritiene Marino un pinocchio un po' pulcinella oppure se ritiene credibile il "nuovo Marino", che perlomeno l'abito l'ha cambiato.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA
Puoi leggerci da Smartphone e Tablet Pc direttamente su Google Play Edicola




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi