Saviano a Renzi, "Nessun piagnisteo sul Sud ma un urlo di dolore"

. Politica

E' arrivata la replica dello scrittore Roberto Saviano al premier Matteo Renzi sulla drammatica situazione del Mezzogiorno. "Nessun piagnisteo, piuttosto un urlo di dolore" dice l'autore di Gomorra. L'invito, a Saviano e ad altri, ad evitare 'piagnistei' sulla situazione del Sud e piuttosto a rimboccarsi le maniche "perchè l'Italia è ripartita" era stato lanciato da Renzi da Tokyo anche in risposta ad una lettera del giornalista e scrittore a Repubblica sollecitando un intervento del governo "E' vero che il sud cresce meno e che il governo deve fare di più ma basta piangersi addosso" aveva detto il presidente del Consiglio confermando la riunione della direzione Pd il 7 agosto proprio sulla situazione del Mezzogiorno. "Mi addolora - replica oggi Saviano su Facebook- che raccontare la tragica situazione del sud italia sia così facilmente definito 'piagnisteo'". "Mi addolora molto che sia definito 'piagnisteo' ricordare che al Sud il numero degli occupati è al livello più basso dal 1977, la natalità ai minimi storici dai tempi dell'unità d'italia. I meridionali fuggono al Nord e all'estero, i migranti stranieri che arrivano sulle nostre coste mirano a trasferirsi in altri paesi. Il tutto - scrive Saviano - nella totale assenza di progetti e investimenti. Questo è un urlo di dolore, non un piagnisteo che sembra invece somigliare di più alla cantilena del 'va tutto bene'".

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA
Puoi leggerci da Smartphone e Tablet Pc direttamente su Google Play Edicola




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi