Dopo lo strappo della minoranza Renzi pronto allo showdown in aula con Grasso "irritato"

. Politica

Dopo lo strappo della minoranza del Pd che ha abbandonato il tavolo del confronto con la Boschi Renzi mostra i muscoli. E si sa non e' uno abituato a traccheggiare e non ha nessuna intenzione di finire su un binario morto. Inoltre vuole approvare le riforme prima del 15 ottobre, quando comincerà la sessione di bilancio. Così sembra deciso a fare chiedere ai suoi di calendizzare le riforme drittamente in aula bypassando la commissione. Si tratterebbe di una bella accelerata ed anche di un segnale preciso ai suoi ribelli, che ormai e' convinto che gli vogliano solo fare perdere tempo. Anche perché lui non ha nessuna intenzione di cambiare il famoso articolo 2, quello sulla elettività dei senatori e tantomeno di modificare una legge elettorale già approvata in via definitiva. Nel tutto li presidente del Senato Grasso si sente sotto assedio ed e' irritato con Renzi, perché ritiene che la prerogativa di convocare  la capigruppo per decidere sui lavori dipenda solo da lui. Certo pero' che se e' la maggioranza chiedere la riunione la deve comunque convocare. Se non c'e' unanimità il calendario per diventare operativo dovrà prima essere votato dall'aula. Insomma un ostacolo in più per Renzi. Anche se Verdini e Lotti che stanno tenendo il pallottolere assicurano che la maggiorana c'e'. Mentre Fi invita il premier a fare bene i conti.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA
Puoi leggerci da Smartphone e Tablet Pc direttamente su Google Play Edicola




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi