Alfano "delfino" di Berlusconi, finisce nella tonnara di Crocetta tra le urla dei suoi

. Politica

Un delfino finito nelle reti di una tonnara. Alfano si dibatte come può, ma sondaggi alla mano che lo danno sotto il 2%, cerca vie d'uscita. Solo che finisce per entrare nella bastarda (l'entrata della tonnara) predisposta dall'abile governatore siciliano Crocetta in combutta con palazzo Chigi.  Sta percorrendo le varie camere in successione rischiando di finire nell'ultima, detta della morte. E si' che e' siciliano anche lui e che ben conosce la pesca del tonno. I suoi amici siciliani, con in testa il chiacchierato Castiglione hanno stretto un patto di ferro per una collaborazione con la maggioranza di Crocetta.  Per loro si tratta di un semplice allineamento con le posizioni nazionali, ma il resto del partito, soprattutto quello del nord, guidato dall'estromesso da ministro Lupi, grida tutto il suo sdegno. In Sicilia e' stato messo a punto un "patto per le riforme", che tanto va di moda per cercare di galleggiare anche quando e' tempesta. Forse Renzi pensa di togliersi dai piedi l'ingombrante ministro dell'Interno, che come alleato alle elezioni, anziché portare voti, secondo tutti sondaggi, gliene fare perdere tanti, magari promettendogli il governatorato della Sicilia ai approssimo giro.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA
Puoi leggerci da Smartphone e Tablet Pc direttamente su Google Play Edicola




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi