"Vado, non vado, vado...". Alla fine Berlusconi dice sì a Salvini. Prove tecniche di unità nel centrodestra

. Politica

Vado, non vado, vado. lla fine la decisione di dire sì a Matteo Salvini. Silvio Berlusconi ha sciolto la riserva dopo qualche tentennamento (e qualche mugugno di alcuni dei suoi) e domenica sarà in piazza Maggiore a Bologna alla manifestazione 'blocca-Italia'  contro il governo Renzi indetta dal leder della Lega cui parteciperà anche Giorgia Meloni (FdI). Insomma prove tecniche di unità nel centrodestra, quella unità - dice l'ex-Cav per spiegare la sua decisione - fortemente voluta dagli elettori di Forza Italia e che dovrebbe manifestarsi da subito nell'opposizione compatta di Lega, Fi e FdI alla Legge di stabilità. "Non potevamo restare indifferenti dinanzi alle pressioni dei nostri elettori che in questi giorni hanno insistentemente chiesto una forte dimostrazione di unità del centrodestra - scrive il leader di Forza Italia in una nota - Questa unità si è concretizzata ieri nella riunione dei capigruppo di Forza Italia, Lega nord e Fratelli d'Italia, per il coordinamento della nostra azione parlamentare a partire dalla legge di stabilità, a conferma che i movimenti del centrodestra hanno l'assoluta consapevolezza di poter vincere soltanto se uniti. Sono quindi ben lieto di accettare l'invito del segretario della Lega, Matteo Salvini, a partecipare alla manifestazione di  Bologna". L'ex-premier sembra dunque aver superato la preoccupazione di apparire soltanto come un ospite, sia pure una guest star, e non come primo protagonista sul palco dell'iniziativa leghista e quindi di muoversi a rimorchio di un leader politico che non nasconde le sue mire di guidare un domani un centrodestra unito. "Gli assenti hanno sempre torto" aveva detto fino a ieri Salvini commentando il primo 'no' di Berlusconi. Oggi, dopo l'annuncio dell'ex-premier, gongola, lo considera un suo successo e - forse in cambio - 'apre' sulle candidature alle prossime comunali, pronto a discuterne già la prossima settimana: "Sono contento per la presenza di Silvio Berlusconi a Bologna. Un'opposizione finalmente compatta - ha commentato Salvini - potrà liberare gli italiani dalla sinistra delle tasse e dell'invasione. È un segnale che a Renzi non piacerà" 

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA
Puoi leggerci da Smartphone e Tablet Pc direttamente su Google Play Edicola




 

Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi