Renzi difende a spada tratta De Luca e stanzia 200 ml per il Giubileo

. Politica

Matteo Renzi difende a spada tratta Vincenzo De Luca. "La posizione mia e del partito rispetto alle vicende della Campania e' semplice. La magistratura faccia il suo corso, abbiamo fiducia, allo stesso tempo il governatore ha il diritto dovere di governare quella terra". Intanto il ministro della Giustizia, Orlando annuncia "accertamenti preliminari" sul giudice Anna Scognamiglio coinvolta nell'indagine. E De Luca va al contrattacco: "Il nostro programma di lavoro non subirà nessuna distrazione o ritardo. Ma farà proprio quello che ha creato qualche preoccupazione in qualche ambiente. Cioè cominciano a capire che in Campania si volta pagina". Ed ancora: "Ho la sensazione che alla fine questa montagna di polemiche e avventure giornalistiche avremo solo una montagna di chiacchiere o invece qualcosa di più preoccupante, un tentativo di pressione o ricatto nei confronti della Regione. In un caso o nell'altro, io e la Regione siamo parte lesa". Renzi ha anche speso parole importanti di stima per De Luca: "Ha una grande sfida davanti a se'. Se c'e' una persona che può fare della Terra dei fuochi una grande sfida, quello e' proprio De Luca". Sulla Campania il premier ha annunciato 50 milioni di investimenti per Bagnoli. "L'obiettivo - ha spiegato - e' di bonificare del tutto l'area di Bagnoli nei prossimi 24 mesi". Per Renzi dopo 21 anni di indolenze e ritardi, l'operazione e' pronta per l'attuazione, chiudere il pacchetto bonifiche e poi lanciare un progetto strategico, simile all'Expo. Il premier ha poi detto di avere stanziato 200 milioni per il Giubileo. Sono fondi che vanno alla sanità, il 20 novembre si inaugura il primo pronto soccorso per l'evento con il presidente della regione Lazio, Zingaretti, al trasporto, al decoro e a tutte le altre iniziative per l'importane appuntamento di tutta la Capitale.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA
Puoi leggerci da Smartphone e Tablet Pc direttamente su Google Play Edicola




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi