Boschi: "Fiera di essere la prima laureata in famiglia". Ma i banchieri non dovrebbe essere laureati?

. Politica

Sicuramente uno che non e' medico non può curare i pazienti, così come una casa deve essere costruita da un architetto o da un ingegnere. La laurea non e' certo un attestato di cultura ( quella e' cio' che appartiene a ciascuno di noi, frutto di conoscenza ed anche d'esperienza) e giustamente ai giornalisti non necessita la laurea (anche se oggi a differenze del passato sono la stragrande maggioranza). Basti pensare che Moravia aveva la quinta elementare. Pero' per certe carriere la laurea risulta necessaria, come attestato almeno di una competenza di base. E nelle banche chi non e' laureato, normalmente anche se non per legge, non può fare nemmeno il funzionario ma solo l'impiegato. E per quanto bravo possa essere per andare avanti deve prendersi una laurea, altrimenti niente piani alti. A differenza del padre della Boschi, che sarà pur figlio di contadini, ma questo non ne attesta le capacita' di potere dirigere una banca. Ed anche il fratello della ministra svolgeva funzioni di promotor tutt'altro che secondarie. E poi in banca c'era anche la cognata. E' stata la stessa Boschi nel suo discorso alla Camera a svelare un particolare che tra l'altro era già noto a molti: "Sono fiera di essere la prima della famiglia ad essere laureata". Chissà se in Banca il vicepresidente lo chiamavano dottore oppure semplicemente signor….

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA
Puoi leggerci da Smartphone e Tablet Pc direttamente su Google Play Edicola




Potrebbero interessarti:

Commenti

0 # Alessandro 2015-12-22 00:34
e la mamma allora, come fa ad essere preside se non ha una laurea...??

I commenti sono chiusi