Le tre paroline che "salvano" papa' Boschi da rivendicazioni dei clienti di Banca Etruria rimasti con carta straccia

. Politica

Il Consiglio dei ministri dello scorso 10 settembre, al quale sembra che fosse presente anche il ministro Maria Elena Boschi, varo' il decreto Salva banche inserendo, anzi aggiungendo tre paroline. Cosa tutt'altro che indifferente, perché con l'inserimento nella nuova legge della dicitura "creditore sociale", vengono resi i creditori singoli impotenti. Cioè non si possono direttamente rivalere sui beni personali dei dirigenti, dai quali si ritengono truffati, dopo avere scoperto che i risparmi investiti in obbligazioni della Banca Etruria erano diventate carta straccia. Per rivalersi sulle fallimentari banche popolari dovranno aspettare l'intervento di un commissario straordinario indicato da Bankitalia e nominato formalmente con un atto del Tesoro e quindi del governo. Il meccanismo e' stato spiegato da Franco Bechis su Libero e riguarda l'art.72 del Testo unico  bancario. "L'esercizio sociale di responsabilità - recita l'art. - contro i membri dei disciolti organi amministrativi e di controllo ed il direttore generale, nonché dell'azione ( e' a questo punto che viene aggiunta la formula magica di tre paroline "del creditore sociale) contro il soggetto incaricato della revisione legale dei conti o della revisione, spetta ai commissari straordinari, sentito il comitato di sorveglianza, previa autorizzazione di Bankitalia". Il codicillo e' stato inserito, secondo Bechis, con la "scusa" di recepire la direttiva europea sul ball in. Senza queste tre paroline, spiega sempre Bechis, che si aggiungono al testo unico bancario in vigore, i "creditori sociali" della Banca Etruria a norma dell'art.2394 del codice civile potevano proporre l'azione di responsabilità nei confronti del presidente della Banca,Lorenzo Rosi, del vicepresidente Pier Luigi Boschi e degli altri consiglieri di amministrazione dell'Istituto". Per esempio i creditori sociali avrebbero potuto rifarsi sulle proprietà mobiliari ed immobiliari di papa' Boschi. La nuova legge invece gli lega le mani. 

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA
Puoi leggerci da Smartphone e Tablet Pc direttamente su Google Play Edicola




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi