"Banche salvate, gente a pezzi", la profezia choc di Tremonti

. Politica

Era il 2013 quando, nel suo libro "Bugie e verità", l'ex ministro dell'Economia del governo Berlusconi prefigurava la rivolta sociale dopo il mostruoso "bail in". ( Nuovo meccanismo, voluto dall'Europa, per il quale il salvataggio di una banca non avverrà più con soldi pubblici, come era avvenuto fino ad oggi, bensì ricadrà su chi ha azioni od obbligazioni della banca fallita e sui correntisti, con depositi oltre i 100 mila euro). Un quadro che si sta puntualmente verificando. Tremonti analizzava "i mostri economici che distruggono la vita dei cittadini italiani ed europei". Dopo il fiscal compact, che "causerà un aumento dei tagli alla spesa pubblica di 50 miliardi nei prossimi anni per rispettare l'abbattimento del debito pubblico accumulato in passato, il secondo mostro, il più temibile, il bail in, ovvero il salvataggio interno dei fallimenti bancari, con correntisti ed azionisti chiamati a rispondere del crac degli istituti". Una pratica che profetizzava Tremonti due anni fa porterà rivolte sociali. Piano, piano, ci stiamo arrivando...

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA
Puoi leggerci da Smartphone e Tablet Pc direttamente su Google Play Edicola




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi