Mattarella: i complimenti di Renzi, l'attacco di Grillo, e Salvini dice "Sui clandestini ci dà ragione"

. Politica

"Un bel discorso, pieno d'amore per l'Italia, grazie Presidente". Così Matteo Renzi su twitter ha commentato il discorso di fine anno del presidente della Repubblica Mattarella (che tra le prime telefonate di congratulazioni ha avuto quella di Giorgio Napolitano). Di segno opposto la valutazione del leader M5s Beppe Grillo che nel suo ormai consueto contro-discorso ha attaccato il capo dello stato: "In Italia - ha detto l'ex-comico sul suo blog- non abbiamo più niente, tutto è finto: un ologramma, non abbiamo un governo, non esiste un parlamento. E abbiamo un presidente della Repubblica che è ologramma di un ologramma: unico caso al mondo....". In chiaroscuro ma sostanzialmente critico il commento di Matteo Salini: "Persino Mattarella sull'immigrazione dà ragione alla Lega. Bisogna espellere le centinaia di migliaia di clandestini che non scappano dalla guerra ma che Renzi e Alfano continuano ad ospitare negli alberghi. Ci dispiace, invece, che il presidente della Repubblica, come i suoi predecessori che hanno svenduto l'Italia all'Europa delle banche, continui ad affidarsi a Bruxelles che affama la nostra gente. Auguri presidente - conclude Salvini - anche se non possono essere tali fino in fondo perché non le perdonerò mai di aver difeso una legge infame come la legge Fornero che ha creato disoccupazione e disperazione". "Discorso descrittivo e di buon senso che però non ha affrontato i veri problemi dell'Italia" è stato il commento del capogruppo di FI alla Camera, Renato Brunetta. "Siamo usciti dalla recessione ma non dalla crisi. Per tornare ai livelli ante 2008, a questi ritmi di crescita, ci vorranno almeno 10 anni. E non c'e' da rallegrarsi". Poi la critica: "Non una parola sui marò. Girone e Latorre sono stati dimenticati anche l'ultimo giorno del 2015".

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA
Puoi leggerci da Smartphone e Tablet Pc direttamente su Google Play Edicola




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi