Il caso-Quarto agita il Movimento: Grillo al sindaco "Dimettiti". Lei: "Non ho ancora deciso, ci penserò"

. Politica

Il caso-Quarto continua ad agitare il Movimento 5 Stelle. In serata nuovi sviluppi con la richiesta perentoria di Beppe Grillo al sindaco Rosa Capuozzo di dimettersi e consentire nuove elezioni nel centro campano dopo che nel pomeriggio la prima cittadina di Quarto aveva postato su Facebook un video per negare la sua intenzione di lasciare l'incarico e per affermare di avere dalla sua, in questa decisione, tutto il Movimento. Ma le cose non stavano proprio così se stasera sul suo blog Grillo l'ha invitata "con fermezza" a togliersi la fascia tricolore."Valuterò la richiesta del movimento di dimettermi - è stata la risposta della Capuozzo - al momento non ho ancora deciso". Nessun contatto diretto in giornata tra il sindaco e il leader M5s. "La strada dell'onestà ha un prezzo. Il prezzo - è scritto sul blog di Grillo - è dover essere, sempre, senza eccezione alcuna, al di sopra di ogni sospetto. Per farlo occorre marcare le differenze tra noi e chi ci ha governato finora in modo netto. A Quarto, un Comune già sciolto due volte per mafia, dove il MoVimento 5 Stelle la scorsa estate è stata l'unica lista politica nazionale autorizzata a correre per le elezioni, lo abbiamo fatto espellendo un consigliere (poi indagato) perché fece pressioni politiche che contraddicevano il nostro programma. Alla prima avvisaglia abbiamo messo alla porta De Robbio e oggi abbiamo preso consapevolezza di aver inflitto un grande colpo al malaffare. Non ci siamo piegati, non si è piegata Rosa Capuozzo e lo dimostrano gli atti della Procura, che nella vicenda la considerano parte lesa. Questo per noi è un vanto, la testimonianza diretta che un'altra politica, ma soprattutto un altro Paese è possibile (...). Per questo occorre essere ancor più esemplari, soprattutto a Quarto dove c'è il sospetto che alcuni voti fossero stati inquinati. Dobbiamo dare segnali forti, coraggiosi, in totale discontinuità rispetto a quelli dati dai partiti. Occorrono decisioni ferme per dimostrare che nessun infiltrato controllerà mai il M5S. E siamo pronti a tornare alle urne quando vi è il sospetto che qualcuno ci abbia provato. Noi siamo il M5S e l'esempio vale più di qualsiasi poltrona. Noi dobbiamo garantire il M5S tutto e per questa ragione chiediamo con fermezza a Rosa Capuozzo di dimettersi e far tornare ad elezioni Quarto."

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA
Puoi leggerci da Smartphone e Tablet Pc direttamente su Google Play Edicola




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi