Sindaco di Roma: Berlusconi, Salvini e Meloni puntano tutto su Bertolaso, "Onorato, accetto la sfida"

. Politica

Guido Bertolaso come sindaco di Roma: è la puntata del centrodestra unito per le amministrative di primavera. Berlusconi, Salvini e Giorgia Meloni hanno invitato l'ex-capo della Protezione civile ad accettare la candidatura, rifiutata in un primo momento per un serio problema familiare. Ma ora quel problema sembra essersi risolto positivamente e il centrodestra è tornato alla carica, dopo il 'pasticcio' dell'offerta di una candidatura a Rita Dalla Chiesa, avanzata dalla Meloni e bocciata dal leader della Lega, e senza aspettare l'esito delle primarie del centrosinistra fissate per il 6 marzo. I tre leader del centrodestra sono quindi usciti in pressing su Bertolaso - nome su cui il leader di Forza Italia aveva puntato fin dal primo momento -  per spingerlo ad accettare la candidatura per il Campidoglio. "Il presidente di Forza Italia Silvio Berlusconi, il leader della Lega Matteo Salvini e la leader di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni - dice una nota congiunta - hanno chiesto a Guido Bertolaso di voler guidare, nel ruolo di candidato Sindaco, un'ampia coalizione di centrodestra aperta anche al contributo delle migliori risorse della società civile". E l'invito, a stretto giro, è stato accolto: "Accetto la sfida". "Sono onorato della proposta che Silvio Berlusconi, Matteo Salvini e Giorgia Meloni mi hanno formulato. Grazie al progressivo miglioramento delle condizioni di salute della mia adorata nipotina, che mi consentono di riacquisire la necessaria tranquillità, accetto questa nuova sfida. Consapevole - dice Bertolaso in una nota da Londra - che sarà indispensabile l’impegno di tutti e sarà altrettanto fondamentale dedicare ogni energia e ogni sforzo, ogni giorno, per migliorare le condizioni di vita dei cittadini romani, per ridare decoro e prestigio ad una città ormai ridotta davvero in condizioni di emergenza. Per amore di Roma, per la sua storia e per il rispetto che i romani meritano". Per quanto riguarda le altre forze politiche il quadro si sta componendo. A destra dovrebbe correre Francesco Storace, mentre Alfio Marchini dovrebbe presentarsi da solo, con una lista civica. Per il centrosinistra sono sei i candidati che si confronteranno alle primarie del 6 marzo: Roberto Giachetti, Roberto Morassut, e Stefano Pedica, tutti e tre in quota Pd; Domenico Rossi di Centro democratico; Gianfranco Mascia portavoce dei Verdi e l'outsider Chiara Ferraro, una ragazza autistica che ha deciso di lanciarsi provocatoriamente nella corsa per porre l'accento sui diritti delle persone con disabilità. Il Movimento 5 stelle deve ancora scegliere il suo candidato: ieri gli iscritti romani hanno scelto online i primi tre punti del programma del candidato sindaco, a breve le 'comunarie' per il nome tra i 209 che hanno manifestato l'intenzione di presentarsi. Stefano Fassina è il candidato sindaco di Sinistra Italiana: strizza l'occhio a Marino ma l'ex-sindaco sembra intenzionato a correre da solo con una sua lista civica. Alessandro Mustillo è il candidato del partito comunista guidato da Marco Rizzo.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA
Puoi leggerci da Smartphone e Tablet Pc direttamente su Google Play Edicola

 

 




 

Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi