Terrorismo, "Rischio attentati molto alto" dice Alfano. Nessun allarme specifico "ma il rischio zero non esiste per nessun paese"

. Politica

Non è un vero e proprio allarme come quello lanciato dal primo ministro francese Manuel Valls, che prevede anche a breve una nuova ondata di attentati terroristici, ma una conferma, una presa d'atto che per nessun paese esiste il 'rischio zero', per quanto sia attenta l'opera di prevenzione da parte delle forze di sicurezza. Interpellato sulle parole del premier francese, il ministro dell'Interno Angelino Alfano, intervistato da Lucia Annunziata a 'in 1/2 ora' ha spiegato: "Abbiamo analisi che non lasciano prevedere un clima sereno per gli anni a a venire. Ma l’Italia è stato finora un paese sicuro perché abbiamo fatto un lavoro di prevenzione continuo giorno e notte. Ma il rischio zero non esiste. Il rischio è molto alto come per gli altri Paesi che hanno subito attentati: siamo parte di una comunità che è oggetto delle ritorsioni dei terroristi". Poi ha precisato: "Non abbiamo notizie di allarme concreto e specifico ma questo non ci fa stare tranquilli. Ho sempre detto che il rischio è alto. In Italia c’è una "prevenzione notte e giorno ma nessun Paese è a rischio zero, il rischio zero non esiste". E ha concluso: "Ho sempre detto che bisogna guardare in faccia la verità e dire la verità. Purtroppo la lunga cronologia del terrore ci spiega che negli ultimi 15 anni non è stato risparmiato nessun continente e i luoghi colpiti non sono uguali tra di loro. Non c’è un obiettivo fisso da controllare o una tipologia di obiettivo. Siamo chiamati ad un controllo enorme e nel 2015 abbiamo controllato 86 mila persona e decine di migliaia di veicoli".

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA
Puoi leggerci da Smartphone e Tablet Pc direttamente su Google Play Edicola




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi