Nuova grana per Renzi. Amore e politica, la ministra Guidi al compagno indagato "L'emendamento? Domani passa, Maria Elena e' d'accordo"

. Politica

Una nuova tegola si abbatte sul governo. Un emendamento alla legge di Stabilita', approvato last minute nel dicembre del 2014, con il quale si dava il via libera (contestassimo per motivi ambientali) al progetto di estrazione di petrolio Tempa Rossa, mette in grandi difficoltà la ministra delle Attività produttive, Federica Guidi. Quando si dice l'amore...Quell'emendamento favoriva anche se indirettamente un affare da due milioni e mezzo di euro del fidanzato, Gianluca Gemelli, ora indagato dalla procura di Potenza. La storia e' raccontata nell'inchiesta sullo smaltimento illecito di rifiuti in Basilicata negli impianti Eni, di cui due sono stati sottoposti a sequestro e bloccati. 23 indagati e 5 arresti ai domiciliari di dirigenti Eni. Agli atti ci sono anche delle intercettazioni. E' il 5 novembre 2014. Dopo la bocciatura di un emendamento (quanti affari colossali si nascondono dietro poche righe che vengono stralciate o all'ultimo approvate nell'ombra delle aule parlamentari, lontano dai clamori e dall'attenzione della pubblica opinione), inserito nel decreto Sblocca Italia per la realizzazione del progetto Tempa Rossa, Gemelli chiama la Guidi e lei lo rassicura: "Dovremmo riuscire a mettere dentro al Senato, se e' d'accordo anche Mariaele (ndr. la ministra Boschi, specificano gli investigatori) quell'emendamento che mi hanno fatto uscire questa notte, alle quattro di notte". Lui vuole essere assicurato che riguardi anche i suoi amici della Total, con cui ha dei sub appalti, assicurazione che ottiene.  Cosi' Gemelli prende il cellulare e chiama subito il dirigente della Total, Giuseppe Cobianchi: "La chiama per darle una buona notizia, si ricorda che tempo fa c'e' stato casino, che avevano ritirato un emendamento? Pare che oggi riescano ad inserirlo nuovamente al Senato…Pare che ci sia l'accordo con Boschi e compagni. E' tutto sbloccato". Secondo l'accusa della magistratura Gemelli "indebitamente si faceva promettere ed otteneva da Giuseppe Cobianchi, dirigente della Total le qualifiche necessari per entrare nella bidder list delle società di ingegneria della multinazionale francese, e partecipare alle gare di progettazione ed esecuzione dei lavori per l'impianto estrattivo di Tempa Rossa". 

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA
Puoi leggerci da Smartphone e Tablet Pc direttamente su Google Play Edicola




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi